Home / Ternana / Ternana Alessandro Bastrini :”Scendiamo in campo per una città intera”
Nutrizionista Greta Astorri Valentini

Ternana Alessandro Bastrini :”Scendiamo in campo per una città intera”

ALESSANDRO BASTRINI La redazione di www.calcioternano.it ha intervistato il difensore della Ternana Alessandro Bastrini, approdato dal Novara alle Fere nella sessione estiva di mercato

Quali sono le motivazioni che hanno spinto Alessandro Bastrini a vestire la maglia rossoverde?
In primo luogo per la storia del club, è una squadra che avevo incontrato nel mio passato ed ho potuto appurare il numeroso seguito di pubblico ed inoltre della Ternana me ne hanno sempre parlato bene. Infine perché c’era Tesser, mister dalle grandi doti tattiche ed umane,  un incentivo tornare alle sue dipendenze

Proprio il tecnico in diverse circostanze fa riferimento a questa frase ossia “Giocare per la maglia”

Si, ce lo chiedeva anche a Novara, vuol dire tatuarsi la casacca addosso, giocare per i tifosi, chi ti segue in trasferta ed in casa, fa dei sacrifici, insomma scendere in campo per una città intera. E’ una cosa giusta avere questo tipo di atteggiamento”

Caratteristiche tecniche di Alessandro Bastrini

In questa fase iniziale di torneo ho cominciato da terzino sinistro, anche se posso ricoprire il ruolo di centrale. E’ dalla preparazione che ho assunto tale posizione: occorre stare bene fisicamente, avere buona gamba

Inizio incoraggiante per le Fere, quattro punti nelle prime due gare

Si ma ne mancano ancora 40 di partite, voliamo bassi e proseguiamo con lo stesso atteggiamento assunto nelle prime due gare

20 settembre 2007 Alessandro Bastrini debutta in Coppa Uefa in Sampdoria-Aalborg

“Conservo un bel ricordo di quella partita ma in generale di quegli anni, ero giovane e soprattutto cominciavo ad assaporare i campi di massima serie

Da due giorni in gruppo c’è Valeri Bojinov

Un calciatore dal passato calcistico importante, si sta allenando bene ed è arrivato qui a Terni in forma, quando il mister lo reputerà pronto ci darà sicuramente una grande mano

Tommaso M. Ferrante

Avatar