Home / 1°, 2° Categoria / Sangemini, mister Malagoli: “Campionato livellato, soddisfatto di quanto fatto!”
Accademia Rousseau

Sangemini, mister Malagoli: “Campionato livellato, soddisfatto di quanto fatto!”

SECONDA CATEGORIA SANGEMINI La squadra allenata da Francesco Malagoli termina con 22 punti il girone d’andata, il Sangemini, che in estate è stato ripescato negli ultimi giorni di precampionato, in questo torneo sta facendo bene. Al taccuino di www.calcioternano.it il mister rossoblu ci ha parlato della nuova esperienza intrapresa nel paese ternano e della prossima gara contro la Federico Mosconi. “Abbiamo saputo solo il 22 agosto che saremmo stati ripescati in Seconda, eravamo sprovvisti di fuoriquota ma nonostante le difficoltà iniziali non posso che essere soddisfatto di quanto visto e conquistato nel girone di andata.” Quali erano le aspettative? Erano quelle di riuscire a costruire un gruppo compatto e competitivo, ovviamente votato ad ottenere prima possibile punti per la salvezza per poi cercare di migliorare la qualità del gioco.”  Con la società vi eravate prefissati obiettivi?  “Non mi ero posto obiettivi concreti al girone di andata, anche perché il gruppo è praticamente nuovo rispetto alla scorsa stagione, però diciamo che sia io che la società siamo soddisfatti, ma qualche punticino in più potevamo anche avercelo!” Parliamo della partita di sabato contro la Federico Mosconi… “Mi aspetto una gara vibrante, aperta a ogni tipo di risultato. Abbiamo incontrato la compagine orvietana nella prima giornata e mi ha fatto un’ottima impressione: squadra giovane, veloce e quadrata. Sicuramente una delle più compatte e continue viste fino ad ora. Noi ce la giocheremo come sempre, proveremo a fare la nostra partita e ad impensierire l’avversario.” I play-off possono essere alla vostra portata? “Il campionato di Seconda di questo anno è uno dei più livellati che mi è capitato. Basta vedere la classifica e rendersi conto tra play-off e play-out c’è una manciata di punti. Bisognerà attendere fino al 25esimo turno, solo li la situazione si potrà schiarire, fino a quel punto ogni partita si deve giocare con il coltello fra i denti!” Quindi voi ci credete? “Crederci sempre perché l’ambizione è la motivazione che spinge ogni squadra a vivere ogni partite a mille, ma fino a cinque gare dalla fine la classifica bisogna guardarla solo indietro”

Alessandro Madolini

Alessandro Madolini