Home / Ternana / Ternana-Varese 2-0, le interviste ai tecnici
Nutrizionista Greta Astorri Valentini

Ternana-Varese 2-0, le interviste ai tecnici

TERNANA-VARESE 2-0 I rossoverdi conquistano la salvezza nella serie cadetta al termine del match di stasera contro i biancorossi. Le interviste post partita raccolte dalla redazione di www.calcioternano.it in sala stampa :

ATTILIO TESSER “Sono contento per aver raggiunto l’obiettivo con merito. L’annata è stata sicuramente positiva, mi avevano chiesto la permanenza e la valorizzazione dei giovani e tutto ciò si è realizzato. Ho schierato il 4-3-1-2 perchè dovevamo vincere questa partita, volevo destinare ai miei ragazzi uno spirito positivo di fiducia, senza paura. Stasera non avevamo difensori centrali, è il mio modo di giocare preferito (il sistema di gioco citato ndr) ed avendo fatto bene a Modena l’ho riproposto. Per sette mesi abbiamo giocato senza tantissimi giocatori e quindi per necessità ci siamo schierati con il 3-5-2. Il mio ciclo penso sia chiuso, sono felice di essere stato qui a Terni. Non ho parlato con la società quindi presumo che sia difficile rimanere, ringrazio tutti, abbiamo cercato di lavorare con serietà, personalità. Sono particolarmente stanco di questo campionato. Nella normalità delle cose non sono mai andato a bussare alle porte, non ho mai chiesto nulla a nessuno. Ci ho messo tutto me stesso per questa maglia, di errori ne ho fatti tantissimi. Penso che l’avventura sia finita” 

STEFANO BETTINELLI “Il rigore era inesistente e ha liberato la testa dei rossoverdi che si giocavano la salvezza. Nel complesso comunque la loro vittoria è meritata, noi ce la siamo giocati fino alla fine calando un pochino nella ripresa. Ci è mancata un pò la lucidità negli ultimi sedici metri. Il secondo gol è arrivato perchè ci siamo troppo sbilanciati. E’ stata una stagione negativa con tanti episodi che ci hanno condannato, di grande sofferenza: si vede che così doveva andare. I tifosi arrivati al Liberati? Se vengono agli allenamenti in settimana gli regaliamo la maglia per ringraziarli”

Tommaso M. Ferrante

Avatar