Home / Promozione / Olympia Thyrus Farini, Sandro Corsi :”Il nostro progetto di valorizzazione, crescita…”
Nutrizionista Greta Astorri Valentini
Sandro Corsi

Olympia Thyrus Farini, Sandro Corsi :”Il nostro progetto di valorizzazione, crescita…”

PROMOZIONE GIRONE B Il presidente dell’Olympia Thyrus Farini Sandro Corsi, è intervenuto al taccuino di www.calcioternano.it per presentare la stagione 2015/2016 in arrivo. Al massimo esponente del club abbiamo chiesto le motivazioni principali nello scegliere Fabrizio Frabotta come nuovo tecnico “E’ stata scelta di valorizzare chi ha vestito la maglia della nostra società per tanti anni. Era ora che Fabrizio potesse allenare una prima squadra di Promozione, opportunità non dipesa dai risultati ottenuti nella compagine Juniores ma dal rapporto che si instaura tra l’allenatore ed i ragazzi a prescindere dall’età. Il settore giovanile e la scuola calcio sono l’emblema di quello che intendiamo per sport dilettantistico” sottolinea Corsi riferendosi al grande bacino di ragazzi che può vantare la società “Il nostro obiettivo è quello di formarli all’insegna dell’amore per lo sport dilettantistico; vale per bambini, ragazzi, adulti e dirigenti. Nella nostra società entrano solo dei dirigenti appassionati di calcio, incarichi gratuiti con rimborsi al minimo per tutti anche e soprattutto a favore dei giocatori. L’Olympia nasce nell’oratorio del Duomo, la Thyrus nei quartieri popolari di San Valentino e la Farini da quelli di via del Raggio Vecchio. Inoltre il rapporto con quest’ultima è sempre più forte in virtù della compresenza di dirigenti giovani che stanno emergendo e rappresentano il futuro” Sull’allestimento dell’organico “Il mercato lo fanno gli altri, noi la campagna acquisti dato che la caratteristica pregnante è quella di lasciare quasi integra la rosa con poche cessioni. Il momento più brutto è quando devo dire a qualche ragazzo che non può stare più con noi per necessità magari di fuori quota. Ci sono dei calciatori che abbiamo dalla terza categoria, tanti di questi poi vengono impegnati nei ruoli tecnici, rimane ed è il nostro spirito. Un criterio: arrivano solo quelli che hanno voglia di venire, uno di questi è Francesco Almadori; la squadra è sostanzialmente apposto, qualche 96’ e 97’ verrà in prima squadra e faremo qualche spostamento nella compagine in termini di ruolo. Tra i giovani segnalo Chierchia, Giubila ed inoltre il ritorno di Alessandro Carollo da un lungo infortunio. C’è molto entusiasmo su Frabotta da parte dei giocatori; colgo l’occasione per salutare e ringraziare Velio De Santis: lo avrei voluto in questo progetto di valorizzazione ma purtroppo non è stato possibile”

Tommaso M. Ferrante

Avatar