Home / 1°, 2° Categoria / 1° Categoria / Lugnano in Teverina, Alessandro Piciucchi ‘E’ la salvezza di una famiglia’
Nutrizionista Greta Astorri Valentini

Lugnano in Teverina, Alessandro Piciucchi ‘E’ la salvezza di una famiglia’

Lugnano in Teverina, Alessandro Piciucchi ‘E’ la salvezza di una famiglia’; intervista al direttore sportivo gialloblù.

Dopo il doppio salto, della scorsa stagione, dalla Terza alla Prima è arrivata in casa gialloblù una salvezza che sa di promozione. Il ds Alessandro Piciucchi, al taccuino di calcioternano.it, ci ha parlato di questo importantissimo traguardo raggiunto in finale play-out dopo aver battuto il Campomaggio. “E’ il coronamento di un progetto sportivo. La giusta ricompensa al duro lavoro, ai sacrifici fatti dalla società, dallo staff tecnico e da un gruppo di ragazzi che oltre ad essere bravi calciatori, si sono dimostrati degli uomini veri, professionisti seri e disponibili.”

L’inizio dell’avventura da direttore sportivo.“E’ iniziata due anni fa quando a causa di alcuni “acciacchi” fisici ho dovuto rinunciare al calcio giocato. Il Presidente Mauro Sensi, mi ha proposto di rimanere in questo ambiente in una nuova veste. E io non c’ho pensato neanche un istante ad accettare, anche perchè mi ha concesso la sua massima fiducia fin dall’inizio e dato libertà totale sulle scelte tecniche. I nostri obiettivi erano chiari: tornare a disputare un campionato importante come quello di Prima categoria cercando di restarci attraverso la valorizzazione dei ragazzi del posto. Sono stati due anni incredibili, emozionanti, anche se non sono mancati i momenti difficili, che però ci hanno permesso di migliorarci, rafforzarci e trovare una forte intesa.”

Le due stagione piene di successi. “L’anno scorso abbiamo vinto il campionato di Terza categoria e siamo arrivati in finale di Coppa Umbra (persa soltanto ai rigori). Quest’anno abbiamo confermato gran parte dell’organico, al quale abbiamo aggiunto 4-5 elementi che avevano già esperienza in questa categoria per farci fare un salto di qualità. Inizialmente abbiamo sofferto il salto di categoria, forse avevamo paura di non essere all’altezza. Ma con il passare del tempo, con il lavoro, con la determinazione e con le prestazioni abbiamo iniziato a prendere fiducia nei nostri mezzi e capito che potevamo giocarcela con tutti. Questa è la salvezza ottenuta da una vera e propria famiglia.”

I ringraziamenti di rito. “Ringrazio tutti i miei collaboratori per lo splendido lavoro svolto: il mister Marco Perotti, il mister in seconda, mio fratello Andrea, il preparatore dei portieri Giordano e tutte le persone che permettono a questi ragazzi di divertirsi, mettendo a disposizione la propria passione, il proprio tempo, su tutti devo nominare Paolo, Alvaro e Marco. Un ringraziamento particolare poi va a un mio caro amico, Riccardo Ruco che è stato il nostro allenatore nella prima parte della stagione e che ha dovuto pagare per gli errori di tutti. La salvezza è anche sua!”

Alessandro Madolini

Alessandro Madolini