Home / Ternana / Ternana Under 15, Roberto Borrello ‘Abbiamo il compito di guidare i nostri giovani’
On TV
Ternana Under 15, Roberto Borrello 'Abbiamo il compito di guidare i nostri giovani'

Ternana Under 15, Roberto Borrello ‘Abbiamo il compito di guidare i nostri giovani’

Il tecnico delle giovanili rossoverdi fa il punto della situazione sulle pagine del Corriere dello Sport

Ternana Under 15, Roberto Borrello ‘Abbiamo il compito di guidare i nostri giovani’

Nell’ultimo turno la Ternana ha pareggiato contro il Benevento. “E’ stata una partita difficile ma abbiamo giocato alla pari. Per come si è comportata la squadra, avremmo anche potuto vincere ma il risultato, quando si allenano ragazzi del 2003, ha un’importanza relativa: serve solo a darci la possibilità di lavorare con tranquillità per riuscire a far salire i ragazzi di categoria, di anno in anno, ­ fino alla Primavera e alla prima squadra.”

Il lavoro improntato dal tecnico. “Ci dedichiamo molto alla preparazione ­ fisica, alla coordinazione strutturale, alla resistenza ai carichi di lavoro. Si differenzia il lavoro anche in base allo sviluppo fisico del singolo, perché a quest’età lo sviluppo non si è ancora concluso ed è importante evitare gli infortuni. Anche tatticamente i ragazzi sono molto disciplinati
e riescono a stare bene in campo. Stiamo iniziando un percorso di crescita anche sotto questo profilo”

Ternana Under 15, la giovane formazione rossoverde è ottava in campionato

“Non ci aspettavamo un crescita così. Siamo a metà classifica ma, ripeto, l’importante è la crescita dei nostri ragazzi. Dietro c’è una società seria: i ragazzi lo sanno bene ed è uno stimolo per migliorarsi in campo e per non perdere di vista, per il loro futuro, soluzioni alternative al calcio.”

Il calcio rispetto a 30 anni fa. “È cambiato totalmente: oggi hanno tutti grandi aspettative e tanti mezzi a disposizione, a partire dalle scuole calcio. Chi riesce a entrare in una società come la nostra viene seguito a 360 gradi e viene aiutato anche ad affrontare le difficoltà che possono nascere nel mondo del calcio. Ai ragazzi viene insegnato subito che per arrivare in alto, non solo nello sport, ci vogliono molti sacrifici e molto lavoro.”

Alessandro Madolini

Alessandro Madolini