Home / Ternana / Ternana, Adriano Moltanto ed ancora preoccupazioni
Accademia Rousseau
Calciomercato Ternana, aggiornamenti sulla situazione di Diego Albadoro
foto Luca Pagliaricci

Ternana, Adriano Moltanto ed ancora preoccupazioni

Decisivi i quattro gol del centravanti per tornare a vincere dopo dieci turni

Ternana, Adriano Moltanto ed ancora preoccupazioni

La vittoria è salutare, fondamentale, propedeutica per passare un Natale sereno. Inoltre conquistata a cospetto della Pro Vercelli, concorrente alla salvezza e quindi vale come scontro diretto a favore. Infine c’è il poker di Adriano Montalto entrato nella storia del club ed in quella recente della Serie B. Di motivi per essere soddisfatti ce ne sono eccome. La classifica si è accorciata ed ora, il gap ad un punto sulla permanenza diretta. Il “primato” dello scorso torneo superato: dai venti punti del giro di boa ai ventuno odierni.

Ternana, le preoccupazioni permangono

Ci torna ancora una volta in mente, parafrasando Lucio Battisti, la dichiarazione di Eugenio Corini post Ternana-Novara. “La Ternana è una squadra che si esprime bene nei primi tempi, un ottimo calcio profuso con grande energia e qualità. Nell’andare avanti qualcosa può lasciare. E’ una squadra molto pericolosa nei primi tempi. Lo è anche nei secondi ma puoi trovare delle situazioni in cui puoi svoltare le tue gare”. Ed a distanza di poco più di un mese non è che sia cambiato molto. Da 4-1 al 4-3 ed il rischio di dover buttare alle ortiche l’ennesima potenziale vittoria. Le preoccupazioni permangono e sono dettate dai numeri. Sia dalla rete subita in apertura (l’ottava), che da quelle incassate nell’ultima porzione di gara (la decima). Come non ricordare l’ennesima marcatura passiva da palla inattiva. Che sia dettato da paura di vincere o calo di condizione fisica è difficile capirlo. Tuttavia i dati confermano il trend del girone di andata e rispecchiano una graduatoria ancora più che precaria

Ternana, cosa è cambiato giovedì sera

Rispetto alle scorse partite c’è stato un passo avanti significativo. Negli ultimi quindici più recupero i rossoverdi sono stati capaci di gestire il vantaggio. Finalmente è stato accantonato l’atteggiamento spavaldo e sprovveduto di cercare sempre un gol più degli altri, anche quando peraltro sei già avanti. Ed ecco venire fuori un pizzico di esperienza nell’esserci già passati e scottati da situazioni analoghe

Ternana, emergenza difensiva superata

Ad essere giusti dobbiamo ricordare l’assenza dei tre centrali Valjent, Signorini e Gasparetto. Nonostante ciò chi li ha sostituiti ha fatto ampiamente il proprio. Un piccolo aiuto indiretto dato dal debuttante Gianluca Atzori. Partire con un sistema di gioco nuovo, dopo soli tre giorni di allenamento, non ha portato benefici. Difesa e centrocampo disallineati e superati spesso dai tagli in verticale. Centrocampo con il solo punto di riferimento Vives a fare gioco ed i due intermedi piuttosto larghi negli spazi. Insomma: dall’ingresso in campo di Vajushi, Bifulco e Castiglia qualche preoccupazione in più c’è stata. Alla fine i tre punti salvezza sono andati alle Fere

 

Tommaso M. Ferrante