Home / Ternana / Avellino-Ternana, le pagelle del match
Accademia Rousseau
Avellino-Ternana, le pagelle del match
foto Luca Pagliaricci

Avellino-Ternana, le pagelle del match

Le pagelle della sfida disputata allo stadio Partenio Lombardi valevole per l’ultima di andata

Avellino-Ternana, le pagelle del match

Le pagelle di Avellino-Ternana:

TERNANA:

Plizzari 6,5 incolpevole sulle marcature subite, doppio prodigio nel finale su Bidaoui

Ferretti 4,5 letteralmente beffato dalla giocata di Bidaoui che manda in porta Asencio. L’esterno offensivo irpino lo mette in grande soggezione per larghi tratti del match. Fuori posizione sul secondo gol irpino del citato in precedenza (32′ st Taurino sv)

Marino 6 positiva la prestazione del centrale molto concentrato e soprattutto utile nelle transizioni palla a terra. Una sola piccola sbavatura (32′ st ndr) comunque non determinante ai fini del risultato

Valjent 5,5 lascia troppo spazio ad Asencio, scivola nella circostanza (anche sfortunato) ma è troppo distanze nella situazione di difesa schierata. Nel complesso però ci mette fisico e sopratutto intelligenza tattica in un paio di chiusure difensive

Favalli 5,5 spinge con buona continuità sul binario di competenza ma lascia scoperto il versante di pertinenza nel momento del raddoppio (25′ st Zanon 6 profondità ed ampiezza dal suo ingresso in campo)

Varone 5,5 doveva e poteva aiutare di più in copertura Ferretti, rimane negli spogliatoi alla pausa (1’st Tiscione 5,5 è suo primo vero tiro in porta delle Fere (30′ st ndr) ma nel complesso incide davvero poco)

Paolucci 5,5 patisce il pressing e l’agonismo della coppia di centrocampisti, meno intuitivo e propositivo rispetto a quanto mostrato per lunghi tratti del girone di andata

Angiulli 5,5 torna da ex al Partenio e mostra il consueto dinamismo. Troppo morbido, non è da lui, sul contrasto con Di Tacchio che scaturisce la ripartenza di Molina poi finalizzata da Bidaoui

Tremolada 6,5 svaria su tutto il fronte attraendo su di se diversi pallone da smistare, solita qualità a disposizione delle Fere prima della gemma all’ultimo tuffo

Albadoro 6 lavoro “sporco” di sponda e riferimento per i compagni, tanto sacrificio ed un palo colpito in chiusura di gara

Finotto 5 chiamato in causa al posto di Montalto, in ombra per quasi tutta la durata della contesa

AVELLINO: Radu 6; Ngawa 6,5, Marchizza 6, Migliorini 6,5, Rizzato 6 (29’st Pecorini sv); Molina 6,5, D’Angelo 6,5, Di Tacchio 6,5, Bidaoui 7; Asencio 6,5 (25’st Castaldo 6); Ardemagni 5,5 (39’st Falasco sv)

Tommaso M. Ferrante