Home / Futsal / Serie C1, il bilancio delle ternane dopo diciassette partite
Accademia Rousseau
Calvi-Ponte San Lorenzo, il giudice sportivo cambia il risultato

Serie C1, il bilancio delle ternane dopo diciassette partite

Come sono andate le formazioni della provincia di Terni nel girone unico di Serie C1

Serie C1, il bilancio delle ternane dopo diciassette partite

Brilla la stella dell’Orvieto FC alla pausa invernale. I biancorossi, a seguito dei dieci risultati utili filati, sono balzati in piena zona play off. Partenza in salita ma fase successiva in grande spolvero: sette vittorie e tre pareggi per complessivi 28 punti conquistati. Tre lunghezze dietro ecco il Ponte San Lorenzo. I ragazzi di Lauderi, hanno attraversato un momento delicato a metà dell’opera, causa una serie di assenze piuttosto cospicue. La ripresa si è concretizzata nel mese di dicembre: tre vittorie ed un ko esterno sul campo di Orvieto. Bilancio sicuramente positivo e possibilità di ambire al traguardo spareggi nel girone di ritorno. L’ultima giornata disputata, la prima a senso opposto, ha regalato  punti importanti a tre delle altre cinque “ternane”. Soprattutto il Miriano capace di violare il terreno del Cannara, diretta avversaria al raggiungimento della salvezza. I segnali più “forti” sono stati lanciati dal Circolo Lavoratori Terni. Gli aziendali hanno dapprima superato il Gubbio Burano (terzo in classifica). Successivamente imposto il pari all’imbattuta capolista Foligno.

Serie C1, fattore casalingo Calvi

Sedici punti conquistati su venti complessivi. Un vero e proprio “fattore” casalingo quello del Calvi capace di impattare, lo scorso sabato, nel “derby” territoriale contro l’Orvieto. Ben cinque affermazioni interne, un pareggio e tre ko. Da migliorare il trend fuori casa cercando di garantirsi un cammino meno impervio nella seconda parte del torneo. In difficoltà Monteleone ed Eden Park Horse Village. Ci vorrà una ripartenza sprint per accordarsi al trenino e sperare quantomeno di centrare gli spareggi play out

 

 

Tommaso M. Ferrante