Home / Futsal / Ternana Femminile-Cagliari 2-4, rossoverdi fuori ai Quarti
Pescara-Ternana Femminile 1-7, rossoverdi devastanti in casa della capolista
foto Luca Pagliaricci

Ternana Femminile-Cagliari 2-4, rossoverdi fuori ai Quarti

Il match valevole come quarto di finale di Coppa Italia

Ternana Femminile-Cagliari 2-4, rossoverdi fuori ai Quarti

TERNANA FEMMINILE: Mascia, Renatinha, Bianchi, Brandolini, Valeria, Coppari, Presto, Neka, Jessica, Bisognin, Lorenzoni, Trumino

CAGLIARI: Piras, Vargiu, Peque, Gaby, Marta, Congiu, Gasparini, Marongiu, Cuccu, Cocco, Atzori, Mulas

RETI 1’29” p.t. Renatinha (T), 17″ s.t. Gaby (C), 1’26” Marta (C), 10′ 25″ Gaby (C), 12’29”  Jessica (T), 16’24” Peque (C)

AMMONITE: Renatinha, Coppari, Mascia

ARBITRI: Silvia Volonterio (Como), Krizia Zucchiatti (Tolmezzo) CRONO: Vincenzo Tafuro (Brindisi)

Sconfitta al debutto ed uscita anticipata dalla Coppa Italia, per la Ternana Femminile. Le rossoverdi, dopo aver chiuso la prima frazione in vantaggio, si sono fatte rimontare dal Cagliari. Tentativi vani di rimontare la contesa con l’inserimento di Brandolini e Coppari rispettive portieri di movimento. Dopo appena 1′ la giocata di Renatinha apre i giochi: una magia sinistro-destro all’angolino. Il fenomeno brasiliano però non riuscirà ad incidere nelle successive giocate. Sfortunatissima Brandolini: dapprima colpisce il montante nella prima frazione. Poi un “doble” palo-traversa nella ripresa. Tornando alla cronaca: Jessica, sfiora il gol in diagonale, poi si fa murare la conclusione sul filo della sirena da Piras decisiva anche nei secondi 20′ effettivi. Dopo appena 17″ Gaby trova il pareggio. Un uno-due che stende la Ternana in virtù del diagonale vincente di Marta. Le sarde, approfittano ed in ripartenza trovano varchi da sfruttare. L’estremo difensore Mascia è determinante su Marta, poi Jessica salva sulla linea un tiro di Peque. Ancora Gaby al 10′ trova il gol ed allora mister Shindler passa al portiere di movimento. A quel punto proprio Jessica insacca il 2-3 sfruttando un bel movimento in ampiezza. Ancora occasioni per Jessica (palo e deviazione prodigiosa di Piras) e Renata, poi il lob a porta vuota di Peque. Nonostante l’assedio finale le Ferelle non trovano il pertugio per riaprirla ed escono dalla manifestazione con un pizzico di delusione

 

Carlo Ferrante