Home / Futsal / Ternana Femminile, la maledizione delle rossoverdi in Coppa Italia
Ternana Femminile, alla scoperta del torneo europeo di futsal
foto Luca Pagliaricci

Ternana Femminile, la maledizione delle rossoverdi in Coppa Italia

E’ davvero pessimo il rapporto tra la Ternana Femminile e la competizione della Coppa Italia

Ternana Femminile, la maledizione delle rossoverdi in Coppa Italia

Nel mondo del calcio a 5 femminile esistono tre trofei nazionali. La Ternana Femminile ne ha in bacheca due. Infatti nel 2015 è arrivato lo scudetto nella finalissima di Fiano Romano contro la Lazio. All’inizio della stagione successiva invece ecco il trionfo in Supercoppa italiana al Pala di Vittorio contro Taranto. L’unico sigillo che manca è quello della Coppa Italia e nella manifestazione iniziata a Bari ieri, le Ferelle riponevano buone speranze di far bene. Invece nei quarti di finali contro Cagliari è arrivata un’eliminazione quasi a sorpresa, con le sarde che si sono imposte per 4-2.

Ternana Femminile, poche soddisfazioni in Coppa Italia

La Ternana Femminile è andata vicina alla coccarda tricolore nella stagione 2013/2014. In quella circostanza le Ferelle persero in finale contro la Lazio. Dopo la non qualificazione dell’anno dopo, nel 2014/15 l’avventura delle rossoverdi finì ai quarti per mano sempre della Lazio. La scorsa annata invece fu il Montesilvano ed estromettere le rossoverdi nei quarti di finale, cosa che è accaduta anche ieri ad opera del Cagliari. Per il terzo anno di fila perciò la Ternana Femminile saluta la Coppa Italia al primo turno della final eight.

Ternana Femminile, la coppa delle sorprese

Se a Terni c’è amarezza per l’eliminazione dalla Coppa Italia, a Pescara di certo non si sorride. In tanti si aspettavano la super semifinale tra Ferelle e biancocelesti ed invece entrambe le compagini sono state eliminate. A giocarsi la finale saranno infatti Cagliari e Statte, rispettivamente vincenti su Ternana e Pescara. Nell’altra parte del tabellone invece pronostici rispettati. La semifinale sarà tra Olimpus Roma e Montesilvano.

 

 

Riccardo Tommasi