Home / Ternana / Serie B, la posizione dell’Andes sull’introduzione della Fidelity Card
Dott.ssa Greta Astorri Valentini
Serie B, la posizione dell'Andes sull'introduzione della Fidelity Card

Serie B, la posizione dell’Andes sull’introduzione della Fidelity Card

Il presidente dell’Associazione Nazionale Delegati sulla Sicurezza a proposito della Fidelity Card

Serie B, la posizione dell’Andes sull’introduzione della Fidelity Card

Il dibattito sulla Fidelity Card e sulla Tessera del Tifoso non sembra voler terminare. L’A.N.DE.S., cioè l’Associazione Delegati sulla Sicurezza, tramite il proprio presidente ha preso una posizione in merito. Di seguito l’interessante comunicato dell’ufficio stampa dell’organismo prima citato, arrivato alla nostra attenzione, con le parole di Ferruccio Taroni. Quest’ultimo fa il punto sulle più recenti disposizioni in materia di vendita dei biglietti per le partite di Serie A, Serie B e Serie C.

Serie B, sulla Fidelity Card serve più coraggio

“Il passaggio dalla Tessera del Tifoso alla Fidelity Card rappresenta un cambiamento fondamentale, ma affinché questo passaggio diventi effettivo bisogna andare con coraggio tutti nella stessa direzione. E a volte ciò non accade. Con l’introduzione della Fidelity Card si punta giustamente ad allargare il più possibile la platea degli spettatori dei vari match. Il problema nasce quando, soprattutto in occasione delle partite di grande richiamo, alcuni club vorrebbero iniziare la vendita dei biglietti molto tempo prima. Dico volutamente ‘vorrebbero’ perché, in realtà, resteranno in attesa delle indicazioni dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive che deciderà quali partite sono da considerarsi ‘libere’, e cioè con biglietti vendibili a tutti, e quali no. Decisioni che spesso non giungono, ahimè, in tempi rapidi. In questo modo il cambiamento di approccio al marketing, al ticketing e di conseguenza anche alla gestione della sicurezza di un evento sportivo e dello stewarding, rischia di restare soltanto sulla carta. Per questo l’A.N.DE.S. vuole richiamare l’attenzione delle istituzioni interessate sulla necessità di risolvere quanto prima questa situazione, che può diventare una zavorra per il progetto Fidelity Card che invece, se approcciato con maggiore coraggio da parte di tutti, rappresenterà una vera svolta in questo settore”.

Riccardo Tommasi