Home / Varie / Calcio e Salute, speciale Mondiali 2018
Calcio e Salute, speciale Mondiali 2018

Calcio e Salute, speciale Mondiali 2018

Calcio e Salute, speciale Mondiali 2018

Lo speciale dedicato ai Mondiali che si svolgeranno in Russia dal 14 giugno al 15 luglio a cura del fisioterapista Alessandro Diomedi

Si avvicina l’appuntamento mondiale in Russia ma non tutte le squadre, purtroppo, potranno schierare i migliori giocatori in campo. Vari team hanno visto alcuni giocatori infortunarsi proprio prima di questo importante appuntamento, vediamone insieme qualcuno e analizziamo i meccanismi che hanno creato i problemi:

Alexander Kokorin, attaccante dello Zenit e pedina fondamentale per i padroni di casa, non sarà presente a causa della rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Il trauma è stato causato da un contrasto con Orban durante la partita di ritorno in Europa League Zenit vs Lipsia. Cercando di recuperare palla ha subito un forte colpo al ginocchio mentre era a gamba tesa in aria, al momento dell’atterraggio la gamba era completamente fuori dal baricentro del corpo e ciò ha provocato un movimento anomalo di rotazione che ha portato alla rottura del legamento.

Cosa l’aspetta? Un’esclusione forzata dal campo di circa sei mesi durante i quali, oltre ad un intervento di ricostruzione del legamento (già fatto a Roma),seguirà un intenso periodo di riabilitazione in cui lavorerà sia per recuperare la mobilità del ginocchio che per migliorare la stabilità articolare con esercizi di equilibrio e non solo.

Alex Oxlade-Chamberlain, giocatore della nazionale inglese, ha subito un brutto infortunio durante la semifinale di champions Liverpool-Roma. A seguito di un contrasto, il ginocchio destro ha subito una forte torsione che ha portato i legamenti ad uno stress eccessivo fino al punto di lesionarli. A guardarlo bene l’infortunio dell’inglese ricorda qualcosa. Purtroppo qualcuno. E’ il caso di Alex Del Piero, che l’8 novembre 1998, ad Udine, subì l’infortunio più brutto della sua carriera. Il ginocchio che si piega, la rottura del legamento crociato anteriore e posteriore.  Fin dal primo momento si è capita la gravità della situazione, vedendo la marcata instabilità e il forte dolore che Chamberlain lamentava al ginocchio.

Anche per lui è molto lungo il periodo di stop ( circa 9 mesi) durante i quali, oltre al canonico intervento, sarà seguito dai fisioterapisti del Liverpool, che con specifici esercizi e riabilitazioni, gli consentiranno di tornare in campo con tutta la tranquillità necessaria.

Altro nome illustre è Dani Alves. Anche lui costretto a rinunciare a Russia 2018 per la disinserzione del legamento crociato anteriore con distorsione postero esterna, riportata durante la finale di Coupe de France. Stop molto lungo anche per lui ( si parla di 6 mesi) che mette a rischio anche la sua carriera (ormai trentacinquenne). A seguito di un contrasto il suo piede è rimasto fisso a terra mentre con il corpo continuava a ruotare, creando così la lesione al ginocchio.

Importantissima la riabilitazione, che lo aiuterà a stabilizzare il ginocchio e soprattutto ad evitare ricadute dopo il rientro.

Nella semifinale di ritorno del Wanda Metropolitano tra Atletico Madrid e Arsenal si è infortunato Laurent Koscielny. Giocatore importante per la nazionale francese, ha subito un incidente particolare. Senza che sia avvenuto nessun tipo di contrasto si è verificata la rottura del tendine d’Achille. Causa diretta sembra essere stato un rapido cambio di direzione, ma a monte, troviamo una storia di tendinite trascurata che ha portato all’indebolimento della struttura. Costretto anche lui a non partecipare ai mondiali, non sarà in grado di tornare in campo prima della prossima stagione.

Dopo il primo momento di stop sarà importantissimo lavorare con i fisioterapisti per recuperare la lunghezza del tendine, la mobilità della caviglia e la forza. Terminando, vorrei dirvi che gli infortuni nel calcio possono costringere a lunghi periodi di stop creando problemi non indifferenti agli amatori appassionati. Seguimi nel prossimo articolo per scoprire qualche piccolo esercizio utile nella prevenzione di questo tipo di problemi

 

 

Carlo Ferrante