Home / Ternana / Lega Pro, Gabriele Gravina e la B a venti squadre
Nutrizionista Greta Astorri Valentini
Lega Pro, Gabriele Gravina 'E' il momento di tornare a giocare'
foto Lega pro

Lega Pro, Gabriele Gravina e la B a venti squadre

Lega Pro, Gabriele Gravina e la B a venti squadre

Si avvicina la data del 22 ottobre che segnerà sicuramente il passo nella storia recente del calcio italiano. Come è noto quattro componenti FIGC ossia Lega Pro, LND, AIAC ed AIA hanno ratificato la candidatura di Gabriele Gravina alla presidenza

La B a venti nel programma

Al momento Gabriele Gravina dovrebbe contare sul 63% dei consensi, percentuale comunque in ascesa fino ad arrivare alla soglia necessaria per essere eletto. Secondo quanto riporta Repubblica.it diversi i punti focali sui quali si caratterizzerà il suo probabile mandato. Tra questi la questione relativa ai format dei campionati dopo lo scossone subito lo scorso 13 agosto con la modifica NOIF da parte del commissario straordinario Fabbricini. L’idea di Gravina sarebbe quella di confermare la A a venti squadre e portare la B al medesimo organico. Come è noto, al momento in attesa di conoscere il futuro dell’Entella il prossimo 9 ottobre, la cadetteria si ritrova con diciannove partecipanti. Se fosse confermata questa indiscrezione di fatto verrebbe meno l’opzione sette promozioni nel torneo 2018/2019 per ripristinare a ventidue la futura seconda divisione. Un particolare non di poco conto dopo l’apertura dello stesso Gravina dello scorso 22 agosto (QUI TUTTI I DETTAGLI). C’è un’altra questione preponderante che potrebbe essere presa in esame: il ritorno al semiprofessionismo in Lega Pro. Una sorta di campionato cuscinetto per venire incontro ai presidenti e soprattutto abbattere le spese che oggi sono insostenibili per chi cerca di fare calcio in terza serie avvalendosi di ricavi davvero esigui.

Tommaso M. Ferrante

Avatar