Home / Futsal / Ternana Celebrity, il pilota Marco Shindler e le rossoverdi
Dott.ssa Greta Astorri Valentini
Ternana Celebrity, il pilota Marco Shindler e le rossoverdi

Ternana Celebrity, il pilota Marco Shindler e le rossoverdi

Ternana Celebrity, il pilota Marco Shindler e le rossoverdi

Tre punti fondamentali per squadra, tecnico, proprietà e tifosi. Dopo il pareggio al debutto per la Ternana Celebrity è arrivato il primo successo della nuova stagione. Un 3-o firmato Angela Roda Aguilera ed Eleonora Mercuri a cospetto di un Grisignano comunque in partita fino agli ultimi secondi della contesa

Marco Shindler ed il ruolo di pilota allenatore

Rivoluzione, rifondazione sono i termini probabilmente più indicati per far capire cosa sia accaduto la scorsa estate. Dal passaggio di proprietà fino ad un vero e proprio restyling del roster. L’infortunio capitato a Vanessa ha notevolmente complicato i piani del tecnico Marco Shindler, chiamato ad un’impresa probabilmente diversa rispetto alla splendida cavalcata culminata con lo scudetto. Meno top player e più linea verde, giovani e giovanissime alla ribalta in un campionato complicato come quello di massima serie. Ecco perchè, anche ieri, il tecnico sembrava come pilotare le sue ragazze. Consapevole che la minima distrazione avrebbe inclinato l’inerzia della partita a favore delle avversarie. Le ha richiamate per nome, una per una, pilotandole nei movimenti con o senza palla. Come fa un papà con la propria figlia od un fratello maggiore con la sorella minore. Non ci sono alternative, il talento c’è l’esperienza meno. L’assenza di Vanessa è un macigno il quale peserà enormemente, come una rotazione meno efficace rispetto al passato. Se il roster è stato costruito sull’asso brasiliano ed Ortega, ora metà della struttura è venuta meno. Poco male. La grinta di Eva, Neka, Mercuri, Angeletti e Donati oltre che le qualità di Angela Roda Aguilera e le parate di Menichelli hanno fatto la differenza. Ma c’è di più. Oltre il perimetro c’è un allenatore scudettato il quale ha scelto di proseguire questa avventura nonostante, almeno al momento, un organico incompleto. Perché le partite non si vincono soltanto all’interno del rettangolo di gioco…

Tommaso M. Ferrante