Home / Ternana Calcio / Lega Pro Renate-Ternana, le sostituzioni cambiano la partita
Nutrizionista Greta Astorri Valentini
Lega Pro Renate-Ternana, le sostituzioni cambiano la partita
foto Marco Petti

Lega Pro Renate-Ternana, le sostituzioni cambiano la partita

Lega Pro Renate-Ternana, le sostituzioni cambiano la partita

Timidi segnali di risveglio da parte di una Ternana capace di interrompere la striscia negativa di sconfitte, tre in altrettante gare nel 2019. I rossoverdi hanno ottenuto un punto al ‘Città di Meda’ facendosi rimontare da una rete di Gomez, dopo il vantaggio firmato da Marino Defendi

LE EMOZIONI DEL MATCH

Le sostituzioni cambiano la gara di Meda

Sessanta minuti di intensità, trame apprezzabili nonostante il campo ridotto ai limiti della praticabilità, ed almeno quattro occasioni nitide, oltre al gol di Defendi. Il calo fisico di alcuni rossoverdi, uno su tutti Fabrizio Paghera, e le sostituzioni indirizzano il match in modo opposto a quello osservato fin li. Al 17′ Frediani rileva Giraudo e Marilungo sostituisce Vantaggiato. Successivamente a cavallo tra il 22′ e 23′ mister Diana inserisce De Sena e Guglielmotti mentre Calori richiama Pobega e Bifulco per Castiglia e Nicastro. L’inerzia della sfida premia i nerazzurri: Guglielmotti spinge, affonda e mette in seria difficoltà un Frediani adattato per l’occasione da ala sinistra. A centrocampo i rossoverdi perdono la fisicità di Pobega con Castiglia ancora in fase di rodaggio. Infine Nicastro e Marilungo sembrano due ‘corpi estranei’ alla manovra dopo che Bifulco, ancora una volta, si era dimostrato tra i migliori in casa rossoverde. Sul gol delle pantere si capisce un pò come i cambi abbiano inciso. E’ proprio Guglielmotti a sprintare sulla fascia e mandare ‘fuori giri’ Frediani. Il cross è impattato da De Sena che colpisce il montate prima del tap in di Gomez.

Ternana, attenuanti e mancanza di un’alternativa a Giraudo

E’ doveroso quanto necessario rimarcare che mister Calori abbia attenuanti notorie.  E’ arrivato da soli quindici giorni a Terni, non ha avuto la possibilità di fruire di una piena settimana di allenamento e purtroppo non l’avrà nel prossimo futuro causa impegni concatenati. Inoltre conosce ancora poco il parco giocatori a disposizione ed è comprensibile avere pazienza nel giudicare il suo operato. Inoltre qualche segnale positivo si è visto nell’atteggiamento ed espressione del gioco, ed in alcune prestazioni dei singoli. Tuttavia le sostituzioni non hanno convinto diversamente da quelle effettuate dal suo collega Aimo Diana. Ed alla lunga inciso. Altro aspetto che salta immediatamente all’occhio è una vera alternativa a Giraudo. Il cursore, dopo la partenza di Lopez, è diventato titolare del binario sinistro, senza però avere un calciatore di ruolo che lo possa avvicendare. Non sembra essere Frediani a poter ricoprire tale posizione, delicata soprattutto nel sapere interpretare la doppia fase.

Tommaso M. Ferrante

Avatar