Home / Eccellenza / Orvietana, Alessandro Locchi ‘Ci siamo rimessi in carreggiata’
Accademia Rousseau
Orvietana, Alessandro Locchi 'Ci siamo rimessi in carreggiata'

Orvietana, Alessandro Locchi ‘Ci siamo rimessi in carreggiata’

Orvietana, Alessandro Locchi ‘Ci siamo rimessi in carreggiata’

L’Orvietana la scorsa domenica ha raccolto un bel punto sul campo della Vivi Altotevere Sansepolcro. I biancorossi hanno impattato per 2-2 al Buitoni e tra i marcatori c’è stato anche Alessandro Locchi. Queste le parole del giocatore ai microfoni di www.calcioternano.it.

I RISULTATI DELL’ULTIMO TURNO DI ECCELLENZA UMBRA

Orvietana, Alessandro Locchi ‘Ci siamo rimessi in carreggiata’

“Abbiamo giocato su un campo difficilissimo date le condizioni del terreno e la forza dell’avversario, che se non sbaglio è in striscia positiva da dieci partite con quella di domenica scorsa. Nonostante questo credo sia un punto meritato nel complesso perché la squadra, con tante assenze, ha dato prova di grande compattezza. Nel primo tempo meglio noi, poi nel secondo loro hanno spinto di più. Quindi risultato giusto secondo me. Per quanto riguarda il mio gol, appena ho visto Colace indirizzare una grande palla verso l’area di rigore, ho pensato solo ad inserirmi velocemente. Poi sono stato bravo e fortunato ad approfittare dell’incomprensione fra portiere e difensore. Play off? Sognamo semplicemente di fare più punti possibili da qui a fine stagione. Pensiamo partita dopo partita e alla fine tireremo le somme e vedremo dove saremo arrivati”.

Orvietana, il ritorno in biancorosso

“Io sono arrivato a dicembre dopo l’esperienza in Liguria, ma ho seguito la squadra sempre perché l’anno scorso ero qui e sono legato a questi colori L’avvio non è stato buono, ma ora la squadra ha preso consapevolezza dei propri mezzi grazie al lavoro svolto da mister Fiorucci e alla grande voglia che tutti i ragazzi stanno mettendo nel quotidiano. Ovvio che un po’ di rammarico ci sia per l’inizio stagione, ma ci siamo rimessi in carreggiata e vogliamo continuare il cammino intrapreso”.

 

Riccardo Tommasi