Home / Ternana Calcio / Ternana, altro inizio anno da impallidire: ci risiamo
Nutrizionista Greta Astorri Valentini
Ternana, altro inizio anno da impallidire: ci risiamo
Foto Luca Pagliaricci

Ternana, altro inizio anno da impallidire: ci risiamo

Ternana, altro inizio anno da impallidire: ci risiamo

Cinque gare ufficiali senza mai ottenere i tre punti. Nello specifico un pareggio, tre sconfitte in campionato più l’eliminazione in Coppa Italia. La Ternana ‘emula’ quanto è accaduto lo scorso anno: un inizio anno nuovo da incubo anche se, in quel caso, furono ben sette le partite iniziali senza vittorie con appena un pareggio all’attivo

VITERBESE-TERNANA COSA E’ SUCCESSO IERI POMERIGGIO

Ternana, numeri da impallidire ed episodi sfavorevoli

La nuova era Calori è partita con all’attivo un pareggio in quattro partite. Il tecnico è atteso al pronto riscatto sfruttando due turni sulla carta ‘comodi’ contro Virtus Verona ed Albinoleffe prima di ricevere la Triestina. Comodi in linea teorica perchè i rossoverdi ultimamente, sono sempre stati capaci di complicarsi il cammino. In questo 2019 si contano ben sei rigori contro e quattro espulsioni comminate. Penalty assegnati a Fano, Vis Pesaro, Feralpisalò e Viterbese (quest’ultime ben due a testa ndr) per un record mondiale difficilmente eguagliabile. Se andiamo a ritroso con gli anni, escludendo la stagione scorsa sempre sotto la nuova gestione, occorre ritornare alla stagione 2002/2003 per ritrovare un inizio così disastroso. Anche in quel frangente quattro rovesci ed un pari prima del rotondo 4-0 sulla Salernitana in B con Mario Beretta in panchina. L’imperativo è finalmente trovare quel successo che possa portare un pizzico di entusiasmo e soprattutto un pò di fiducia. L’ambiente è comprensibilmente disilluso, le aspettative di un torneo di vertice si sono dissipate dopo dieci partite. Alcuni calciatori sembrano fuori dal progetto, quantomeno mentalmente. Al mister il delicatissimo compito di riportare sui giusti binari una stagione che sta sfuggendo di mano

Tommaso M. Ferrante

Avatar