Home / Ternana Calcio / Ternana, le Panze Allegre diventano Panze: ecco la scelta goliardica
Nutrizionista Greta Astorri Valentini
Ternana, le Panze Allegre diventano Panze: ecco la scelta goliardica

Ternana, le Panze Allegre diventano Panze: ecco la scelta goliardica

Ternana, le Panze Allegre diventano Panze: ecco la scelta goliardica

È stata una domenica particolare quella che ha visto la Ternana pareggiare contro la capolista Pordenone. Particolare perché sembrava essere tornati indietro di quasi dieci anni (stagione 2010/2011) quando la Ternana retrocesse in C2 nei playout contro il Foligno. Annata in cui il Liberati era deserto e si toccò uno dei record negativi reiterati di tifosi presenti sugli spalti. Nella gara contro i ramarri allenati dell’ex Tesser c’è chi ha deciso di rimanere fuori, c’è chi ha deciso di non esporre i propri vessilli e chi invece ha voluto esprimere il suo dissenso in maniera piuttosto originale. Stiamo parlando del gruppo de “Le Panze Allegre” che hanno esposto lo striscione ma a metà, spiegando le loro ragioni attraverso una goliardica riflessione dove esprimono tutto il loro modo di vivere il rossoverde.

Il goliardico comunicato de “Le panze allegre”

“Noi semo le Panze Allegre

e nonostante sei arrivato tu con l’elicottero, nonostante noi semo gente d’acciaieria e co’ ste cose ce sentimo un po’ a disagio, avemo continuato a esse Allegre.

Hai fatto piazza pulita de tutto, hai detto la Ternana agli Italiani, hai cacciato via chi aveva fatto un miracolo senza neanche dije grazie, hai portato un gruppo de giocatori da Fondi e hai detto che co’ quelli nel giro de du’ anni c’avresti portato a Cardiff, e nonostante tutto avemo continuato a esse Allegre.

Avemo campato de stenti fino a fine gennaio 2018 con quella squadra e quell’allenatore, che per rendervi idea della portata del paradosso è stato fino a questo momento l’unico personaggio che ogni 10 cose che diceva sul calcio ne azzeccava mezza, voi neanche quella. Eravamo terz’ultimi e dopo un mercato de gennaio faraonico (Piovaccari, Rigione, Repossi e Statella) ne avemo cacciato uno e assunto un altro che ha fatto pokerissimo perdendone 3 su 3 (ricordiamo che a Cesena ci fu una delle più alte concentrazioni di bestemmie mai udite da orecchio umano nel globo terracqueo) e nonostante questo avemo continuato a esse Allegre.

Poi c’hai stupiti, hai preso l’almanacco e carta alla mano hai scelto uno degli allenatori più titolati sulla piazza in quel momento, che nonostante la gioia del Derby c’ha portato a sprofondo nell’ultimo e inesorabile posto della classifica. A quel punto ce semo continuati a sforza’, ma nonostante tutto abbiamo stretto i denti e continuato a esse Allegre.

Hai arcacciato via tutti, tranne l’allenatore a cui avevi fatto un contratto pluriennale con un compenso pari al PIL del Guatemala e preso giocatori di categoria con contratti pluriennali con compensi pari al PIL del Liechtenstein, hai promesso che avremmo rigiocato in serie B, facendo proclami, sparanno a palla Guccini dalle casse del Liberati, facendo una presentazione dove mancava solo Silvan e li giocolieri del circo e a quel punto c’è quasi ritornato il sorriso de ‘na vorda e avemo continuato a esse Allegre.

Nonostante momenti era Natale, semo partiti co’ sta serie C, fortissimo, come da pronostici.
Poi, forse perché a quelli che avevate ingaggiato je avevate promesso de fa la B o per qualche altra oscura e fumosa ragione a noi sconosciuta s’è scocciato qualcosa. A un certo punto, giorno dopo giorno, so’ diventati tutti brocchi e nonostante tutto avemo continuato a esse Allegre.

Le cose hanno continuato a annà sempre peggio, soprattutto quando avemo cacciato via il DS, soprattutto quando ne avemo preso un altro che ha rifatto un altro mercato de gennaio faraonico (Piovaccari, Rigione, Repossi e Statella, ah no me so’ sbajato…vabbè comunque è uguale), soprattutto quanno avemo cacciato via De Canio e preso quello Etrusco, soprattutto quanno semo annati a Viterbo a pijà la neve de mercoledì sera, soprattutto quanno ce semo ritornati lu mercoledì dopo e nonostante tutto, anche se avemo dovuto inizia’ a sforzacce parecchio, avemo continuato a esse Allegre.

Vabbè basta, ce semo stufati de fa lu resoconto, do’ c’hai portato lo poi vede’ bene pure da solo.

Insomma noi semo rimaste solo Panze, perché con quello che hai combinato, con quello che hai detto e poco dopo sconfessato, sei riuscito a tojece pure l’allegria.

Noi però allo stadio c’eravamo anche domenica e ci saremo anche le prossime, perché nonostante tutto semo sempre le Panze e c’avemo quel difetto che se uno ce dice come se deve fa una protesta calcistica, come se deve sta allo stadio, quello che se po’ di’ o non di’, noi famo l’opposto contrario. Insomma, famo e faremo sempre come ce pare, tanto pe capicce.

Comunque caro Bandecchi, se guardi bene il secondo piano della curva Nord de domenica è delle prossime domeniche, fallo vede’ pure a quei giocatoretti senza vergogna e senza dignità a cui ti vanti di dare 800.000€ al mese e se veramente sapete quello che è per noi la Ternana (ne dubitiamo), quello striscione con scritto solo “PANZE”, ve dovrebbe fa’ capi’ tante cose”.

Federico Bobbi

Avatar