Home / Uisp / Uisp calcio a 11, vincere la regular season non porta bene
Nutrizionista Greta Astorri Valentini

Uisp calcio a 11, vincere la regular season non porta bene

Uisp calcio a 11, vincere la regular season non porta bene

L’AET si è aggiudicata, meritatamente, il primo posto al termine della stagione regolare. Per tutto il campionato c’è stato un testa a testa con Amici di Enzo che proprio negli ultimi 80’ del campionato, è stata battuta da Soccer 2008, classificata al terzo posto. AET ha tutti i numeri a favore. La compagine cara ad Emanuele Montanucci ha realizzato 91 rete e subite 28, Amici di Enzo ha messo a segno 64 gol e ne ha subite 25, Soccer 2008 64 e subite 30. I bomber vestono la maglia dell’AET, Danny Gabrielli si è riconfermato il cecchino con 33 bersagli, seguito da Mattia Crudele con 20 gol.

Come andò nel 2017-2018

Arrivare primi non porta bene, se andiamo vedere quanto successo lo scorso anno. In testa alla generale arrivarono AET e Soccer 2008 e fu necessario lo spareggio all’antistadio Taddei. vinto dalla squadra allenata da Montanucci per 5-2 con una tripletta di Gabrielli, e un gol di Morrocolo e Dodaj, per la squadra di Ceccarelli a segno Tabuani e Cei. Il regolamento prevede la disputa della finalissima tra la prima classificata, costretta ad aspettare la vincitrice dei play off, che hanno una durata di circa un mese, un lungo tempo di attesa che fa perdere la giusta concentrazione e il ritmo partita. La finalissima, nel 2018, disputata al Liberati, tra AET ed Amici di Enzo, è stata ad appannaggio dell’undici di Di Mei per 2-1, con i gol tutti nel secondo tempo. Ha sbloccato il risultato Amici di Enzo al 16’ con Sulla, ha pareggiato al 20’ di Bartoli su calcio di rigore, al 30’ gol vittoria di Tottorotò. Ad alzare il trofeo, con pieno merito, i ragazzi di Di Mei, classificati al terzo posto nella regular season.

Tommaso M. Ferrante

Avatar