Calcio e Salute, lesione del legamento crociato anteriore

Lo speciale Calcio e Salute a cura del fisioterapista Alessandro Diomedi

Calcio e Salute, lesione del legamento crociato anteriore

Quante volte è capitato di leggere nei comunicati ufficiali delle società di calcio la diagnosi: lesione del legamento crociato anteriore? Un responso, piuttosto eloquente, che purtroppo caratterizza l’attività stagionale dei club professionisti e non. All’interno dello speciale Calcio e Salute il fisioterapista Alessandro Diomedi tratterà tutti gli aspetti di questo particolare infortunio. Eccoli nel dettaglio:

Il legamento crociato anteriore, è una struttura posta al centro del ginocchio ed è fondamentale per la sua stabilità, durante i movimenti di flesso-estensione e rotazione esterna. Questo s’incrocia al centro del ginocchio con il legamento crociato posteriore, creando una geometria perfetta. È proprio per questo incrocio che i due legamenti vengono definiti legamenti crociati. Il legamento crociato anteriore (LCA) impedisce alla tibia di scivolare in avanti, rispetto al femore ed impedisce una eccessiva rotazione esterna, che andrebbe a compromettere le strutture cartilaginee del ginocchio

La lesione del LCA è un classico infortunio sportivo, che avviene per un trauma distorsivo. Un classico meccanismo di lesione è rappresentato dal movimento che si compie con cambi di direzione durante la corsa o una rapida decelerazione. Ciò si verifica, quando   si  combina  un movimento di flessione laterale con  una rotazione esterna del movimento del ginocchio. Un chiaro esempio di questo meccanismo è il movimento che fa il calciatore andando a scartare un avversario lateralmente o quando fa una finta.

Lesione del legamento crociato anteriore, sintomi e trattamento

I sintomi sono immediati e sono rappresentati da:

  • Un rumore tipo “crack” che si avverte durante il movimento che genera la lesione
  • Dolore immediato al ginocchio
  • Instabilità articolare, con una sensazione, che la tibia scivoli anteriormente rispetto al femore
  • Gonfiore immediato di tutta l’articolazione

Nonostante questi siano sintomi abbastanza chiari di una lesione del LCA, è sempre consigliabile eseguire una risonanza magnetica e una visita ortopedica, al fine di comprendere quale sia la reale entità del danno e se vi siano lesioni associate. È comunque consigliabile non eseguire la risonanza quando il ginocchio è troppo gonfio, poiché l’immagine risultante potrebbe essere alterata o distorta. Purtroppo una lesione del LCA non può guarire spontaneamente poiché il sistema di vascolarizzazione di questo legamento è scarso.

Il trattamento nei primi giorni successivi al trauma prevede:

  • Riposo funzionale, usando due bastoni canadesi per la deambulazione
  • Ghiaccio 3 volte al giorno per 10/15min
  • Applicazione di un tutore che mantenga il ginocchio esteso
  • Tenere l’arto sollevato

Una volta che il ginocchio si è sgonfiato, è possibile tornare a camminare senza l’ausilio dei bastoni. In questa fase è utile associare un corretto trattamento fisioterapico che miri a recuperare la mobilità del ginocchio prima di poter decidere, con il consulto di un ortopedico, se continuare il trattamento conservativo o intervenire chirurgicamente. Se si opta per il trattamento conservativo, la fisioterapia, avrà l’obiettivo di migliorare la forza del quadricipite, la propriocezione del ginocchio e il controllo dell’articolazione. Si potrà tornare a praticare sport mediante l’utilizzo di un tutore, ma sarà opportuno  evitare gli sport che possano creare un movimento torsionale al ginocchio.

Se invece è stato scelto il trattamento chirurgico, sarà possibile iniziare una movimentazione passiva del ginocchio, già dal secondo giorno post intervento. Seguendo un corretto piano riabilitativo, si avrà la possibilità di tornare a praticare sport in totale sicurezza, a circa cinque mesi di distanza dall’intervento.

In entrambi i casi, è di fondamentale importanza,  non forzare i tempi per il rientro in campo. È sempre più frequente vedere atleti professionisti tornare alle competizioni, dopo una lesione del LCA,  in tempi brevi, ma è altrettanto frequente osservare che, a breve termine, gli stessi atleti soffrano di una recidiva dello stesso infortunio.

Calcio e Salute, lesione del legamento crociato anteriore

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by