Ternana, segui la diretta dal Collegio di Garanzia del CONI

Ternana, segui la diretta dal Collegio di Garanzia del CONI

Una giornata che vale un’intera estate. Alle 12 l’udienza attesissima per tutte le società le quali ambiscono al ripescaggio. Nello specifico Ternana, Siena, Pro Vercelli, Catania, Novara ed anche l’Entella che ha presentato domanda. Il Collegio si pronuncerà sul format cadetto e l’ormai famoso D4, ossia un passaggio relativo ai criteri di ripescaggio sul quale dapprima il TFN poi la CAF si è espresso escludendolo come causa ostativa. La redazione di www.calcioternano.it seguirà la giornata con la diretta scritta e video, in collaborazione con On Tv Sport

Ternana, vivi attimo per attimo la diretta dal Collegio Garanzia del CONI

11:00 secondo quanto raccolto dalla redazione di www.calcioternano.it il Collegio di Garanzia del CONI si comporrà come di seguito. Presidente Franco Frattini inoltre Mario Sanino (Relatore), Massimo Zaccheo, Dante D’Alessio e Gabriella Palmieri (Componenti)

11:05 si tratta dell’identica composizione del Collegio a sezioni unite che si è pronunciato sul ricorso presentato dall’Avellino in data 31 luglio

11:10 ricordiamo la calendarizzazione dell’udienza:

1) LND; Lega Pro; AIC e AIA in merito alla mancata convocazione dell’assemblea elettiva

2) decisione della CAF sul D4 relativo ai criteri di ripescaggio. Ricorso presentato da Ternana, Siena e Pro Vercelli

3) e 4) ricorso presentato da Ternana, Pro Vercelli in merito al format cadetto e delibera assemblea di Lega B

5) ricorso sull’inquadramento del calcio femminile all’interno della FIGC

11:15 lo splendido salone d’Onore del CONI al Foro Italico ospiterà l’udienza a sezioni unite per l’occasione

11:25 E’ arrivata la delegazione della Ternana calcio con il Presidente Ranucci e gli avvocati Massimo Proietti, Fabio Giotti e Mario Spasiano

11:30 In arrivo anche l’avvocato Eduardo Chiacchio, il quale cura gli interessi del Catania calcio

11:50 Tutti riuniti in sala d’aspetto prima di iniziare le udienze

11:55 La stampa potrà assistere alle udienze ma non si potrà fare una diretta live quindi aggiorneremo al termine di ogni singola seduta

12:12 Si iniziano le udienze: si parte con il ricorso sull’inquadramento del calcio femminile all’interno della FIGC

12:42 Appena terminata la prima udienza. Il presidente Frattini ha aperto i lavori dopo il giro tavolo di rito. Rispetto al comunicato iniziale si è partiti dal punto 5 quello che riguarda l’inquadramento del calcio femminile. Tra i legali chiamati in causa anche l’avvocato Tortorella che tra poco tutelerà’ gli interessi della Pro Vercelli

12:45 Adesso è il turno del punto 1 relativamente al commissariamento della FIGC (LND; Lega Pro; AIC e AIA in merito alla mancata convocazione dell’assemblea elettiva)

13:10 Dibattimento del punto 1 concluso. Nonostante sia stata convocata l’assemblea elettiva i ricorrenti chiedono un provvedimento di merito al Collegio di Garanzia. Con la convocazione infatti specificano che sono cessati i poteri del commissario. Di conseguenza con quella convocazione i suoi poteri si sono esauriti. La procura ribadisce che è cessata la materia del contendere con la convocazione dell’assemblea. Intanto da segnalare, oltre il Presidente Ranucci, la presenza di Massimo Secondo Presidente della Pro Vercelli. Per il Siena il legale De Renzis. Il Catania con Chiacchio mentre Cota (Novara) a capo del pool di avvocati piemontesi. Oltre a Ranucci naturalmente gli avvocati Fabio Giotti, Massimo Proietti e Mario Spasiano. È il solo presidente del collegio Franco Frattini a porre delle domande specifiche entrando le merito della materia del contendere.

13:15 Inizia il dibattimento sul punto 2: “decisione della CAF sul D4 relativo ai criteri di ripescaggio. Ricorso presentato da Ternana, Siena e Pro Vercelli”

13:20 Oltre ai già citati legali della Ternana, la composizione degli avvocati è questa: per la Lega B Presunti e Laudani, per la FIGC Napolitano e Vercillo, per il Siena Di Ciommo e De Renzis, per la Pro Vercelli Tortorella, per il Catania Tedeschini, Chiacchio, Gitto e Reirano, per il Novara Lolli, Cota e Duca, infine il Vice procuratore è Cipriani

14:00 E’ presente nel palazzo del Coni anche il Sindaco di Terni Leonardo Latini che sta seguendo da vicino questa giornata molto importante per le sorti della Ternana Calcio

14.20 Il sindaco Leonardo Latini ha commentato così la giornata. “Ho ascoltato mentre ero in aula alcuni passaggi portati avanti dai miei colleghi. La Ternana a mio parere ha tutte le ragioni dalla sua parte per essere ripescata. E’ vero anche che serve chi ti dia ragione, anche se ce l’hai”.

15.05 Ecco tutte le dichiarazioni dei vari legali delle parti coinvolte, raccolte per voi dalla redazione di www.calcioternano.it.

Il presidente Frattini ha presentato il dibattimento. Il riferimento è alle seguenti tematiche: Consolidamento delle posizioni privilegiate. Verifica dei poteri del commissario straordinario in merito alle Noif. Atti compiuti dopo il provvedimento. Interesse e rilevanza nel dispositivo del 30 maggio. Atti prodromici in materia della riduzione del format a 19 squadre. Assimilazione o meno sul precedente del 2014 riguardante il Novara. Esercizio del potere commissariale: se è stato correttamente esercitato. Infine la firma del segretario generale sulle Noif del 13 agosto.

Parte la Ternana avvocato Spasiano “Viene posto in discussione se il ripescaggio è un diritto o meno. Non lo è. Si tratta di un interesse giuridicamente protetto a seguito di criteri fissati dalla federazione. La Figc non solo ha prospettato tale eventualità ma è andata avanti, oltre, producendo atti e richiedendo garanzie. Si sta discutendo sulla credibilità della giustizia sportiva. Il provvedimento cautelare ha sospeso la sentenza di primo e secondo grado. La Federazione ha diffidato la lega a presentare la documentazione in materia di ripescaggio. Dopo il decreto monocratico rilasciato dal presidente del 10 agosto e la Figc deciso di far partite la B a 19 squadre di fatto contravvenendo a quanto espresso dal Collegio di Garanzia nella persona del suo presidente. La violazione del comma terzo contravviene ai principi del diritto sportivo. Ricordo che la modifica del regolamento prevedono due stagioni di anticipo. Si poteva partire a 22 e poi oggi discutere su quali società ripescare”.

Ora tocca a De Renzis e Di Ciommo Siena che ricordano l’esborso effettuato per partecipare ai ripescaggi.

L’avvocato Di Cintio che tutela gli interessi della Pro Vercelli con la Tortorella. Intervento molto appassionato quello offerto dai legali del club piemontese. “Il commissario dare avvio ai campionati conformandosi a quanto tratteggiato nel decreto monocratico da lei. Lo statuto della Figc prevede che le modifiche debbano essere adottate, secondo l’art 27, a maggioranza qualificata. Lo statuto dice: di intesa con le leghe. Non solo con quella interessata ossia la B. Non siamo in un sistema chiuso. Esiste infatti una maggioranza qualificata. La Figc si dimentica di revocare il comunicato 18 che invece è in vigore riguardo la presentazione delle domande di ripescaggio. E quindi deve essere in vigore anche il 54 del 30 maggio perché collegati”.

Avvocato Chiacchio del Catania “Il commissario ha rinnegato se stesso con una decisione fuori dal normale”.

Per Lega B parlano Presutti e Laudani. “Questa è una sede dove si ragiona di legittimità non di merito. Il suo provvedimento del 10 agosto è stato utilizzato come scudo e strumentalizzato. Oggi c’è perfetta assonanza tra Lega e Figc. Tutto cambia se il Collegio ci dirà se si può o meno modificare l’ordinamento. Se esiste un organo straordinario il quale sostituisce temporaneamente quello ordinario va da se che incorpora tutti i poteri che l’ordinamento gli assegna”.

Il Professor Napolitano per la Figc. “Affermiamo che non c’è nessuna norma che regoli l’integrazione dei campionati e non conferisce alcun diritto al ripescaggio. Non è una nostra lacuna. Per il ripescaggio serve una norma astratta sovraordinata. La decisione deve essere discrezionale e valutata anno dopo anno. Si è chiuso un secondo campionato ed è partito un altro campionato giudiziario da un mese e mezzo. Ieri è accaduto un fatto grave: il commissario straordinario denunciato per abuso d’ufficio. La questione si lega a garantire ad un governo ordinato del calcio. Il commissario aveva il dovere di assolvere ai suoi poteri rientranti nell’ambito del suo mandato. Si sono adottate delle norme transitorie speciali. La condotta della Figc è stata quella di tutelare l’interesse federale. Naturalmente la procedura di ripescaggio fa parte del rischio di impresa e tutto sarà restituito. La Figc ha provato a percorrere una strada. Con due criteri squalificati, dopo che il Collegio di Garanzia ha fatto tutto quello che poteva in merito emettendo un provvedimento cautelare. Nel momento in cui la Lega di B ha manifestato la sua volontà alla fine non si poteva procedere altrimenti con le ricorrenti che non si sono fermate, peraltro legittimamente, in termini di ulteriori ricorsi presentati”.

Per la Procura parla Vecchio, il quale afferma che non ci sono diritti per i l ripescaggio. Il comunicato ufficiale n. 18 del 18 luglio 2018 rimarca la locuzione eventuale graduatoria. Essendo eventuale non sussistono i diritti al ripescaggio. Il provvedimento del 13 agosto incide sulle aventi diritto alla B legittimamente.

Frattini concede diritto di replica.

Apre De Renzis per la Robur Siena. “Questa non è una questione di merito, ma di metodo. Ed i milioni di euro in più derivati dalla riduzione del format per le 19 ricorrenti sono la testimonianza di un interesse privato. Se salta il metodo le leghe faranno come gli pare”.

L’avvocato Proietti della Ternana. “Se anche avesse avuto i poteri, il commissario poteva procedere come ha proceduto quando invece c’era bisogno di una super maggioranza. Un atto di imperio quello fatto del commissario straordinario. Su quanto detto dalla Figc, il comunicato del 18 luglio è precedente alla presentazione della domanda ed al versamento, quindi ‘l’eventualità” decade”.

L’avvocato Giotti sempre per la Ternana. “Sull’emergenza campionati il 31 luglio la Lega di B viola palesemente i principi nel momento di non consegnare la documentazione. Inoltre dal 2007-2008 non ci sono mai state tre soste come quelle previste al momento. Quindi i presupposti di emergenza non possono porsi in essere”.

15.15 Ultimo dibattimento iniziato ora: con Ternana, Pro Vercelli e Robur Siena sulla legittimità dei criteri di ripescaggio

Parla Spasiano per la Ternana Calcio. “Se norma dell’ordinamento sportivo prevede che l’illecito è stato commesso non si deve parlare di termini. Chi non è in possesso di questi requisiti non può ambire al ripescaggio. Non è una sanzione e non si parla di retroattività della sanzione”.

Dopo il legale della Pro Vercelli, tocca a Cota curatore degli interessi del Novara. “E’ irragionevole il provvedimento relativamente al D4 in merito ad un fatto commesso in precedenza. Il Novara ha pagato con due punti di penalizzazione. Questa semplice irregolarità non è prevista dall’ordinamento giuridico italiano. Il Novara non aveva ottenuto risposta al piano di rateizzazione dall’amministrazione ed ha pagato con la penalità. Poteva solo rateizzare esercitando un proprio diritto e l’ha fatto”.

L’avvocato Napolitano della Figc. “Una brutta estate concausata dall’uso ed abuso dell’art 30. Io vi prego di intervenire nel debellare questa reiterazione in termini di impugnazione. È accaduto al Tfn e alla Caf. Prendete posizione su questo aspetto (riferendosi al Collegio ndr)”.

Botta e risposta Tortorella (Pro Vercelli)-Cota (Novara): il Novara si duole dei 23 giorni, ma se la penalizzazione fosse stata inflitta nella stagione precedente a quella effettivamente comminata non avrebbe partecipato alla B, ma avrebbe disputato i play off in Serie C”.

Frattini: “Entro la serata odierna verrà pubblicato il comunicato”.

15.45 Non resta che attendere l’uscita dei comunicati

15.50 Al termine dei dibattimenti, ecco le parole del presidente Stefano Ranucci: “Le sensazioni a caldo? Non ne ho, avete potuto leggere e sentire cosa si è detto. Ognuno può farsi un’idea propria. Anche al TFN avevamo sensazioni in merito, poi è andata all’opposto. Aspettiamo i comunicato di questa sera. Noi abbiamo dato le nostre spiegazioni, vedremo come saranno interpretate”.

Gli avvocati Giotti e Proietti si sono limitati a confermare quanto detto da Ranucci, dicendo che commenteranno solo la sentenza definitiva.

16.05 Indiscrezione di www.calcioternano.it: entro la serata ci sarà la pubblicazione dei dispositivi emessi dal Collegio di Garanzia. Ciò obbligherà, in caso di B a 22 squadre, la Federazione a comunicare ufficialmente entro la giornata di domani, quindi probabilmente anche stasera, le tre ripescate. Non ci sarà possibilità di ostruzionismi come avvenuto in passato.

 

 

 

 

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by