Ternana, il pensiero dei tifosi sul momento dei rossoverdi

Ternana, il pensiero dei tifosi sul momento dei rossoverdi

La Ternana sta attraversando forse il momento più delicato degli ultimi anni. Dopo la dolorosa retrocessione della scorsa stagione, quest’anno i rossoverdi sono alle prese con un annata disastrosa sotto tutti i punti di vista. Dai grandi proclami fatti in estate per cercare di riagguantare la serie cadetta si è passati ad una situazione grottesca in cui si rischia addirittura di retrocedere nuovamente ma stavolta tra i dilettanti. La redazione di www.calcioternano.it ha sentito il parere di alcuni tifosi circa il momento e cosa sta accadendo in casa Ternana.

“Seguo la Ternana praticamente da una ventina d’anni e a mio parere un momento cosi buio e umiliante, calcisticamente parlando, non l’ho mai vissuto”. A parlare è Valerio Donadei, tifoso che segue sempre le Fere in curva Nord: “Forse solo la gestione Longarini post retrocessione dalla B può essere paragonata a questa situazione ma in quel caso tutti sapevano che i calciatori non erano all’altezza, praticamente giocatori di eccellenza a fare la Serie C. Oggi, invece, la delusione è nettamente maggiore visto il livello tecnico della squadra a disposizione di Gallo almeno sulla carta. Una squadra costruita senza leader con un evidente gap caratteriale, giocatori che alla prima difficoltà abbassano la testa e non fanno niente per recuperare una situazione che sta diventando tragica con addirittura il rischio di retrocessione in D! A questo si aggiungono le dichiarazioni di Bandecchi sulla messa in vendita della società che sta creando ulteriore scompiglio. Giuste o no che siano le motivazioni a mio parere il momento è sbagliato, doveva aspettare almeno la fine della stagione per fare queste uscite ma tanto la gestione Unicusano in questi due anni è stata sempre dilettantistica. Il momento è certamente delicato, bisogna solo concentrarsi per cercare di salvare quel minimo di dignità e tentare di finire tranquillamente il campionato evitando di fare scomodi playout che giocatori come questi soffrirebbero molto causa mancanza di attributi. Spero solo che mister Gallo dopo la partita con l’Imolese si sia reso conto della gravità della situazione e che quindi per queste ultime 7 partite faccia fuori le ‘mele marce’ a costo di far giocare i ragazzi delle giovanili, deve dare un segnale alla piazza!”.

Parla poi un altro tifoso che da anni segue i rossoverdi, Francesco Cagnoli: “Dopo un inizio stagione in cui ho seguito la Ternana come sempre, questo è il primo anno che ho mollato un po’ perché sono venuti meno gli stimoli per andare allo stadio. Devo dire che l’arrivo di Bandecchi lo scorso anno, seppur con alcune scelte discutibili, mi aveva fatto riaccendere l’entusiasmo. Senza dubbio ha sbagliato ma bisogna riconoscere che ci ha sempre messo la faccia e che in questa stagione ha investito molti soldi portando a Terni giocatori sulla carta importanti. La squadra l’ha fatta ed ha sempre rispettato gli impegni economici, ha cambiato pure tre allenatori per cercare di rimediare perciò non mi sento di dargli torto. Anche il venire allo stadio, l’essere presente e non come le gestioni fantasma precedenti ed il rapportarsi più volte con i tifosi non sono affatto cose scontate. Parlando poi di calcio giocato a mio parere qualcosa è successo, la colpa è solo ed esclusivamente dei giocatori perché qualsiasi cosa sia accaduta non si può non vincere una partita da mesi contro squadre che non sono certamente corazzate. In campo ci vanno loro e questo sta a significare che non hanno un minimo di amor proprio, è un disonore anche per la bellissima professione che fanno. Ovviamente nessuno sa cosa accadrà in futuro ma io spero che li mandino via tutti, dal primo all’ultimo. Parlando, infine, di Ternana intesa come società non sono uno di quei tifosi che crede sia meglio un fallimento, vorrei solamente andare allo stadio e sperare che ogni anno si possa fare meglio. Anche perché poi se si riparte da zero non è così facile ritornare a certi livelli”.

Gianmarco Conti, altro tifoso rossoverde, afferma: “L’anno scorso non si poteva che andare contro la società vista la retrocessione e soprattutto i mancati investimenti, quest’anno invece mi sento di dire che Bandecchi ha cercato di rimediare evidentemente fallendo l’obiettivo. Il discorso che faccio oggi è questo: possibile che giocatori che in carriera hanno dimostrato di essere più che validi non corrono più, non lottano e sembra se ne freghino della situazione? A mio parere la colpa è la loro, non si sono mai scusati con i tifosi ed hanno avuto sempre atteggiamenti strafottenti. Poi mi chiedo anche come sia possibile che Bandecchi stesso, dopo aver speso tutti quei soldi, non trovi il modo per ‘spronarli’. Il mio pensiero è che da fuori sembra che a qualcuno stia bene questa situazione, qualcosa sotto c’è per forza e tante cose non tornano. Non ho capito nemmeno l’atteggiamento del patron di andare sotto la curva domenica dopo una sconfitta netta, sembra quasi che cercasse un pretesto. Credo sia abbastanza normale che i tifosi siano quantomeno arrabbiati, che poi bisogna dire le contestazioni sono sempre state tranquille e pacifiche perché in altre parti d’Italia sappiamo tutti cosa è successo. I tifosi sono stati vicini alla squadra in ogni momento, anche domenica fino al 2 a 0 hanno sempre sostenuto ed incitato. Più di un dubbio sui calciatori ce l’ho anche in riferimento al confronto avvenuto in settimana con mister Gallo agli allenamenti, dalle sue parole mi è sembrato abbastanza palese che qualcosa non andasse e che si fosse reso conto di alcune cose. Per concludere, dico che per risollevare una situazione come questa serve gente che mette il cuore in quello che fa”.

 

 

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by