San Valentino Sporting Club, Maurizio Sciarrini: “Con la paura del virus riaprire il centro è solo una rimessa”

Tommaso M. Ferrante   08:22   29/04/2020   Futsal    576 views

San Valentino Sporting Club, Maurizio Sciarrini: “Con la paura del virus riaprire il centro è solo una rimessa”

Una struttura polivalente per accogliere il desiderio di trascorrere momenti di serenità e spensieratezza. Il San Valentino Sporting Club può detenere due campi da calcetto, uno da calciotto oltre un ristorante, un’ampia palestra ed un piccolo palazzetto. Computa 400 ragazzi iscritti al settore giovanile, oltre 400 utenti e trenta collaboratori distribuiti tra le varie discipline sportive. A fare il punto della situazione è Maurizio Sciarrini presidente della Polisportiva Ternana.

“L’ultimo decreto ha sbloccato alcuni settori ma sullo sport pubblico e spettacolo non si è espresso. Non ci sono novità, siamo in attesa. Il nostro comparto senza aiuti pubblici è difficile farlo ripartire. C’è un clima di tensione e paura nell’immaginarsi di utilizzare le strutture, tranquillizzare i clienti è complicato. La domanda da porsi è la seguente: apriamo ma per quale motivo? Per rimettere soldi. Dobbiamo produrre volumi e abbiamo bisogno di utenti ma se c’è paura difficile riuscirvi. L’attività non produce utili, la gente non viene al centro sportivo. Inoltre sono il responsabile dei clienti, dei bambini del settore giovanile, dei dipendenti, tutto ciò complica notevolmente gli scenari. Stiamo aspettando i decreti.

Da quello che si percepisce il presidente Conte farà il punto della situazione ogni due settimane. Lo sport non si può fare senza contatto perché è aggregazione sociale. Ad esempio non puoi chiedere di fare la marcatura, in un campo di calcio, a due metri di distanza. La ripresa è complicata e la chiusura causata da motivi salute pubblica. Preferisco che i dipendenti prendano il bonus piuttosto che farli venire a lavoro per poi dirgli la giostra è finita. Mi aspetto che arrivino dei contributi a fondo perduto”

Presente e futuro

“Tra un mese ci dovrebbe essere l’apertura della piscina senza dimenticare i campus estivi. Il rischio è di creare un problema sociale ed enormi danni psicologici ai bambini proseguendo questa fase di chiusura. Non ne faccio un discorso politico, è una situazione drammatica ed inaspettata. Non punto il dito nei confronti di nessuno. Conformarsi alle disposizioni in auge rappresenta un atto d’amore nei confronti delle persone più fragili. Gli impianti di San Valentino sono parte della mia vita, ci abbiamo buttato i risparmi e sogno che i miei figli lavoreranno li. È stato fatto un piccolo miracolo con tanti sacrifici profusi per mantenerli e rinnovarli. Spero sia una situazione transitoria e confido nella scienza. Lo sport è libertà, rapporti sociali, umani oltre all’agonismo”

“Al quartiere sono particolarmente legato, è un pezzo di cuore. A volte mi fermo a bordo piscina a vedere il tramonto. Non è semplice stare a casa e far finta di niente”. Rapporto i collaboratori e responsabili: “Ci sentiamo tutti i giorni. Da uomini di sport non vedono l’ora di iniziare. Da buon padre di famiglia li devo fare riflettere. Al primo caso positivo in palestra ci potrebbero dipingere con untori. L’ultima settimana prima della chiusura si e no 30 persone hanno utilizzato la struttura. La nostra comunità mi auguro capisca il valore di tutti i centri sportivi cittadini come un patrimonio sociale, non va disperso. Spero che il virus sia un’occasione di rilancio, ora siamo in una sorta di medioevo. La nostra è una città adagiata sull’assistenzialismo, spero sia occasione per rialzare la testa”

 

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by