Olympia Thyrus, Sandro Corsi: “Salute prioritaria. Riproporre il torneo 2020/21 nella prossima stagione”

Tommaso M. Ferrante   09:45   21/11/2020   Eccellenza    391 views

Olympia Thyrus, Sandro Corsi: “Salute prioritaria. Riproporre il torneo 2020/21 nella prossima stagione”

Stop a tutti i campionati dilettantistici regionali, a causa dell’emergenza sanitaria in auge. Una situazione già vissuta, nel corso del torneo pregresso, ripresentata all’inizio di questa stagione. Dopo aver acquisito il pass per l’Eccellenza la società dell’Olympia Thyrus ha debuttato nella season 2020/2021 prima di fermarsi, come tutte le altre contenenti. Il presidente Sandro Corsi, intervenuto al taccuino di www.calcioternano.it ha tracciato un bilancio su quanto accaduto e le prospettive di medio-lungo periodo.

Presidente come è andata la ripartenza in estate?

“Abbiamo seguito attentamente il protocollo, si era iniziato bene. Inoltre fatto degli screening sui ragazzi sia della prima squadra che settore giovanile. Non avevamo riscontrato delle criticità. Probabilmente cominciare prima, come avvenuto in altre regioni, avrebbe permesso di disputare le prime tre o quattro giornate. Tuttavia – evidenzia il presidente – cambia veramente poco. I problemi sarebbero emersi successivamente. Ci saremmo trovati in questo contesto davvero grave che avrebbe comportato lo stop. Le spese sono chiaramente aumentate: dall’igienizzazione e sanificazione dei locali, all’acquisto dei prodotti, per citare qualche esempio. La nostra società non vive di sole sponsorizzazioni. Ha anche bisogno del proprio settore giovanile, delle scuole calcio. A riguardo ringrazio i giocatori, gli addetti, i volontari. Tutti coloro i quali hanno compreso la situazione di gravità. Una piena assunzione di responsabilità di ogni singolo componente”.

Si aspettava degli aiuti per le iscrizioni?

“C’è stata una discussione forte. Con chiarezza il comitato ha evidenziato che le quote sarebbero state restituite in caso di stop definitivo”. Il presidente aggiunge: “A mio avviso potrebbero tenersele direttamente – eventualmente – per il prossimo anno. Sulle spese per i cartellini ci poteva essere una riduzione maggiore. Specifico che, nonostante la stagione sia appena iniziata, già si sono verificate delle uscite”.

La differenza sostanziale

“Un conto il professionismo, un conto il dilettantistico. Non ne faccio una distinzione puramente dettata dalla qualità del gioco, ma prettamente numerica. Se pensiamo di far giocare 10 mila squadre dilettantistiche, rimettiamo in moto un movimento composto da migliaia di persone. Non credo si possa fare in contesti di promiscuità. Trovo davvero difficile ipotizzare una ripartenza prima della primavera. Di conseguenza è difficile che i campionati possano terminare. Penso più ad una riproposizione della stagione 20’21’ nel 21’22’. Dico anche è il caso di pensare alla salute, non solo in ambito sportivo ma anche per ciò che concerne l’attività didattica”.

La presenza del club: “Non è mai mancata. Le relazioni sono costanti. Agli allenatori ho detto di tenersi in contatto con i propri ragazzi. Allo stesso modo anche il gruppo dirigente si comporta nel medesimo modo. E’ una mera indicazione. Tutti in maniera naturale la stanno seguendo. C’è una sensazione di appartenenza che fa estremamente piacere, nonostante la fase critica”.

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by