Ternana, progetto Liberati. Lo scenario: alla Regione una patata ‘bollentissima’

Tommaso M. Ferrante   09:30   22/04/2021   Ternana Calcio    336 views

Ternana, progetto Liberati. Lo scenario: alla Regione una patata ‘bollentissima’

Il progetto Liberati della Ternana è approdato a Palazzo Spada. Una riunione consultiva, volta semplicemente a raccogliere pareri, in previsione dell’esame della delibera di giunta con la dichiarazione di pubblico interesse. In attesa dei prossimi passaggi amministrativi e politici, abbiamo tentato di riassumere la seduta di ieri con alcune parole chiave:

PROCEDURA la madre di tutte le keyword. Il progetto Liberati infatti gravita attorno ad un iter assai complicato. Come affermato, in sede di consiglio, una procedura nuova che prevede una serie di appuntamenti di natura amministrativa e politica. Collega tutte le altre parole che enunciamo di sotto.

UNANIMITA’ il consenso sul progetto Liberati è stato unanime, nella seduta di Palazzo Spada. Ognuno, comprensibilmente, ha portato sul tavolo virtuale le proprie opinioni ribadendo però un concetto di base. Ogni gruppo consiliare è favorevole. È presumibile che, entro la metà di maggio quando si tornerà in consiglio stavolta per esprimere un voto politico, sarà raggiunta l’unanimità dei consensi sulla delibera. Tutto ciò, ritornando al termine precedente, seguendo in modo conforme i binari della procedura.

PARTECIPAZIONE della città. Oltre a migliaia di firme raccolte, comunicati, striscioni e dibattito molto acceso i supporters delle Fere hanno voluto ribadire il proprio pensiero. L’iniziativa sotto Palazzo Spada è un’ulteriore testimonianza di quanto sia sentito il tema.

DUBBI su procedure e utilità del consiglio. Alcuni consiglieri hanno rimarcato l’inutilità della seduta. Il motivo? Essendo amministratori debbono votare su un qualcosa di concreto. Poiché l’iter, in sede amministrativa, è ancora in pieno svolgimento, non è stato possibile esprimersi sul progetto come accadrà tra circa tre settimane.

REGIONE dell’Umbria. Arriviamo probabilmente al nocciolo della questione. Un’osservazione che – più o meno – è stata sottoposta da quasi tutti i consiglieri, seppur con sfumature diverse. L’amministrazione comunale infatti può accompagnare il progetto, conformandosi a tutte le procedure vigenti, fino ad un certo punto. La palla passerà in mano alla Regione per la successiva analisi amministrativa e politica. Essendo in possesso del pallone la partita si sposterà su un terreno diverso, e probabilmente non del tutto amico. E qui si pone un tema caldissimo. Come è noto la maggioranza che governa la città e quella a livello regionale appartengono alla medesima coalizione. Gli amministratori locali – di tale appartenenza – hanno già dato il loro appoggio, con ferma convinzione, al progetto. Se la procedura amministrativa dovesse proseguire spedita, senza intoppi, l’unico ostacolo alla realizzazione potrebbe arrivare da palazzo Donini. Ostacolo di natura prettamente politico.

Una vera e propria eventuale patata bollentissima sulla quale cimentarsi. Anche perché, occorre aggiungere alla discussione, sono subentrare ulteriori dinamiche che discernono dall’aspetto prettamente e meramente sportivo. Concetti di riequilibrio territoriale, sanità pubblica da affiancare a quella privata. Insomma un tema pregnante che interessa tutti i cittadini, al di là di varcare i cancelli del nuovo Liberati. Il rischio è il medesimo: fermare il progetto Liberati rischierebbe di incrinare i rapporti tra maggioranze oltre che, naturalmente, seminare un dissenso diffuso nella comunità ternana.

 

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by