Ternana, Bandecchi-Lucarelli: c’eravamo tanto amati!

Ternana, Bandecchi-Lucarelli: c’eravamo tanto amati!

In casa Ternana qualcosa scricchiola. La love story tra Bandecchi e Lucarelli sta per finire? Il tecnico toscano firmerà la tanto acclamata lettera? Chi lo sa! Sicuramente fra le prossime settimane sapremo di più sul futuro delle Fere e sulla prossima stagione. D’altronde è noto, gli amori non durano in eterno, ma viste le premesse di questi ultimi anni, visti i risultati, gli obiettivi perseguiti e futuri nessuno si sarebbe aspettato questo ultimatum del presidente.

Riavvolgiamo il nastro e andiamo a rileggere le dichiarazione di Stefano Bandecchi post vittoria del campionato proprio su Cristiano Lucarelli: “Dell’uomo mi ero reso conto subito, ora posso dire che è la persona giusta e un grande professionista.” Poi è arrivata la conferma incondizionata, fino al termine della stagione del tecnico, dopo l’inizio di campionato non entusiasmante in Serie B e successivamente il prolungamento di contratto dell’allenatore toscano fino al 2025. Nel mese di gennaio altre dichiarazioni positive del presidente: “Lucarelli si sta dimostrando una persona molto capace in ambito calcistico. Se devo essere sincero me l’aspettavo così. Sia caratterialmente e per come sta conducendo in questo momento la squadra. Ho solo paura che qualcuno possa portarcelo via da un momento all’altro.” Verso febbraio qualche frecciatina e qualcosa sembrava incrinarsi: “Una squadra ha la mentalità del suo allenatore ed il mister Lucarelli deve farsi un esame di coscienza. Cambia modulo spesso, a volte fa dei cambi nel primo tempo. A gennaio è stato il più muto di tutti. Ci ha chiesto un difensore, glielo abbiamo preso e lo tiene in panchina. Non rischia l’esonero ma a rischio sono gli anni futuri.” Anche il tecnico rossoverde, in occasione del pre gara di Ternana-Cosenza, si era tolto qualche sassolino dalle scarpe: “Per il prossimo anno dobbiamo chiarire alcuni aspetti.”

La tensione, dopo la salvezza conquistata ed il derby vinto, sembrava essersi assopita anche se il presidente ha esternato (spesso) il suo malcontento per non aver centrato l’obiettivo play-off. E poi l’ultimatum. Ma che cosa vuole Bandecchi? Lo ha ribadito chiaramente nella trasmissione “Fere di Sera” di TeleGalileo: lottare per la Serie A, innesti giovani e pronti per un campionato importante, prendere meno gol, giocare con un modulo offensivo e spregiudicato, l’imprescindibilità di giocatori come Donnarumma, Pettinari, Falletti, Partipilo e Palumbo. Adesso la palla passa a Lucarelli. Le imposizioni al mister livornese non sono mai piaciute e chissà se condivida i diktat dal suo presidente. Certo è che Bandecchi in pochi mesi di idee ne ha cambiate spesso. Ad iniziare dalla conquista della Serie A. Prima parla di un progetto di tre anni, cioè raggiungerla per il centenario rossoverde nel 2025, poi il cambio rotta e già dalla prossima stagione il puntare alla massima serie. Allora tutti i discorsi di programmazione dove sono finiti? Questi erano stati ben condivisi ed avallati da vicepresidente, direttore sportivo ed allenatore. Cosa è cambiato ora? Perché questa fretta? Perchè parlare di aspetti tecnici e modulo?

Intanto nella piazza ternana c’è uno stato d’animo collettivo di malumore per le sorti rossoverdi. Si pensa ad un divorzio e che Lucarelli non rimarrà sulla panchina delle Fere. Una reale possibilità ma se la distanza tra le due parti non è davvero incolmabile perché non continuare ad ‘amarsi’? Alla fine Lucarelli è stato scelto e voluto da Bandecchi… perché come dice il detto chi si assomiglia si piglia!

Ultime News:

Logo Calcio Ternano

Contatti

Testata registrata al Tribunale di Terni - Autorizzazione 4/2014 del 02/09/2014 - Direttore responsabile: Tommaso Maria Ferrante

Copyright 2014-2019 © Associazione Calcio Ternano, Tutti i diritti riservati. | P.Iva: 01532450556 | Powered by